lunedì 14 dicembre 2009

Comunicato stampa Madama Knit 2009

Madama Knit 2009. La lana prende forma
Esposizione del progetto finale
Dal 19 Dicembre 2009 in Sala relax e al Caffè Madama

I numeri di Madama Knit 2009

40 Kg di lana.
45 km di filati.
300 quadrati di lana.
120 partecipanti.
240 mani al lavoro.
7 incontri.
1 giovane creatrice di moda

A partire dal 19 dicembre a Palazzo Madama, in Sala relax e al Caffè Madama, verrà esposto il risultato degli incontri del primo ciclo di knit cafè.

Da marzo 2009 oltre 100 partecipanti si sono riunite ogni primo sabato del mese nelle sale del museo, per realizzare un grande manufatto che fosse il risultato del lavoro di ciascuna di loro. Con passione e creatività le knitters di Palazzo Madama hanno dato vita a un multiforme e variegato catalogo di colori, forme, decorazioni ispirate alle sale, alle opere, ai decori del palazzo. Durante l’anno si è unita al lavoro la giovane stilista torinese Elena Pignata, che ha offerto la sua collaborazione per realizzare l’opera che verrà esposta dal 19 dicembre fino a marzo 2010. L’installazione comprende un giardino incantato, esposto in sala relax, in cui il calore della lana si lega al tema della natura attraverso uno dei simboli sabaudi, il cervo e un grande pannello, allestito in caffetteria, che racconta il processo creativo di chi lavora a maglia: dalla lana grezza, al pensiero, alla realizzazione finale.

Madama Knit nasce dall’idea di fare del Museo Civico un luogo dove le inclinazioni, i saperi, le attitudini di ciascuno trovino soddisfazione e occasioni di arricchimento. Gli incontri di tricotage a Palazzo Madama hanno trasformato per le knitters il museo in un luogo familiare, dove ritornare per ammirare l’arte, ma anche dove conoscere altre persone, confrontare le proprie esperienze, esprimere la propria creatività.

La collaborazione con Elena Pignata, nota per la sua linea di abiti e accessori Ombradifoglia, ha poi aperto al museo un nuovo canale di collaborazione, quello con il mondo dei giovani creativi. Palazzo Madama è per vocazione legato alle arti applicate, all’artigianato e al design. Questa collaborazione inserisce il museo in una rete produttiva fatta di giovani creativi, artigiani moderni, che non potrà che arricchire il patrimonio culturale del museo.
Madama Knit ha tessuto per il museo una vasta rete umana, fili di lana che legheranno anche nei prossimi anni la città al suo museo.

La coperta all'atelier ombradifoglia

3 commenti:

  1. Per me è stata una bellissima esperienza, vi sono grata di questa oppurtunità. A sabato 19 allora!

    RispondiElimina
  2. grazie per questa esperienza davvero creativa

    RispondiElimina